Naso chiuso

Che cosa s’intende con naso chiuso?

Il naso chiuso – che consiste nella restrizione delle vie aeree nasali – è la condizione che impedisce la normale respirazione con il naso.  

Quali sono le cause del naso chiuso?

La causa principale del naso chiuso è il raffreddore, ma ne possono esistere anche altre, come ad esempio alcune allergie respiratorie, la deviazione del setto nasale, la sinusite e la presenza di polipi.  

Quali sintomi possono accompagnarsi al naso chiuso?

Può essere accompagnato da raffreddore, tosse, lacrimazione degli occhi (nei casi allergici si aggiunge il bruciore), affaticamento generale, mal di gola e mal di testa.  

Quali patologie possono associarsi al naso chiuso?

Tra le patologie che possono accompagnarsi al naso chiuso, ci sono: allergie respiratorie, raffreddore, rinite, sinusite, influenza, lebbra, poliposi nasale, traumi. Questo elenco è solamente indicativo, per cui si suggerisce di rivolgersi al proprio medico curante per eventuali approfondimenti.  

Come può essere curato il naso chiuso?

I rimedi per il naso chiuso dipendono dalla patologia che ha determinato il problema: dopo averne individuato la causa con il medico, si potrà procedere con le cure più indicate. In generale essi variano da inalazioni con soluzioni fisiologiche all’assunzione di antidolorifici (nel caso di mal di testa), sciroppi (in caso di tosse), antistaminici (in caso di allergie), a vasocostrittori sotto l’osservazione di un medico.  

Naso chiuso, quando rivolgersi al propio medico?

È necessario rivolgersi al proprio medico nel caso che il naso chiuso persista o quando si sia in presenza di una delle patologie associate sopra indicate.

Starnuti

Che cosa sono gli starnuti?

Gli starnuti sono emissioni improvvise e involontarie di aria, tramite naso e bocca, che sono causate dalla stimolazione e dall’irritazione delle terminazioni nervose della mucosa nasale.  

A quali altri sintomi si possono accompagnare gli starnuti?

Di solito gli starnuti si accompagnano a molti altri sintomi, che sono in linea di massima quelli propri degli stati influenzali o delle allergie respiratorie: mal di testa, febbre, tosse, naso chiuso, lacrimazione, spossatezza.  

Quali sono le cause degli starnuti?

Tra le patologie che possono provocare gli starnuti, ci sono: influenza, raffreddore, allergie respiratorie, rinite e sinusite. Gli starnuti possono essere anche determinati da stati emotivi particolarmente intensi.  

Quali sono i rimedi contro gli starnuti?

I rimedi contro gli starnuti dipendono dalle cause che ne stanno alla base. In caso di raffreddore si può ricorrere a medicinali vasocostrittori ma solamente per pochi giorni e sotto attento monitoraggio medico. In caso di allergie respiratorie sarà possibile ricorrere ad antistaminici, sempre sotto controllo medico, o intervenendo sull’ambiente in cui si soggiorna e si dorme (ad esempio: eliminando gli allergeni, intervenendo sulla polvere in eccesso e umidificando l’ambiente che si occupa). Qualora lo starnuto si associ a tosse, si potrà ricorrere a specifici sciroppi. Se invece si accompagna a mal di testa potranno essere assunti degli analgesici, sempre sotto indicazione del proprio medico.  

Starnuti, quando rivolgersi al proprio medico?

Gli starnuti possono richiedere una visita dal proprio medico curante nel caso in cui si accompagnino (o si sia a rischio) di una delle patologie che possono essere associabili a questo sintomo.