Arterie polmonari

Che cosa sono le arterie polmonari?

Le arterie polmonari sono i vasi sanguigni in cui scorre il sangue carico di anidride carbonica e di prodotti di scarto che proviene dalla circolazione periferica ed è diretto al cuore e ai polmoni per essere ripulito. Nella circolazione polmonare – chiamata anche circolazione cuore-polmoni o piccola circolazione – il compito di arterie e vene è invertito rispetto alla grande circolazione: qui le arterie trasportano il sangue “sporco”, carico di anidride carbonica (mentre nella grande circolazione questo compito viene assolto dalle vene) e le vene polmonari trasportano il sangue carico di ossigeno (compito assolto, nella grande circolazione, dalle arterie)  

Come sono strutturate le arterie polmonari?

Il nostro organismo ha due arterie polmonari: l’arteria polmonare destra, più lunga e più grande, e l’arteria polmonare sinistra, meno grande e più corta. Le due arterie si dirigono verso il proprio polmone di riferimento, affiancate dalla vena e dal bronco corrispondenti. Entrano nei polmoni, dove si ramificano seguendo la struttura dei bronchi fino a raggiungere gli alveoli polmonari, a livello dei quali avviene l’ossigenazione del sangue.  

Qual è la funzione delle arterie polmonari?

La funzione delle arterie polmonari è trasportare ai polmoni il sangue “sporco”, cioè ricco di anidride carbonica e di prodotti di scarto, che proviene dalla circolazione periferica.

Vene polmonari

Che cosa sono le vene polmonari?

Le vene polmonari sono i vasi sanguigni che collegano i polmoni all’atrio sinistro del cuore e che trasportano il sangue ossigenato che dal cuore verrà in seguito pompato nel resto dell’organismo. Costituiscono, insieme alle arterie polmonari, la cosiddetta circolazione polmonare – o piccola circolazione, o circolazione cuore-polmoni – che attraverso le arterie porta ai polmoni il sangue che proviene dall’organismo e che è ricco di anidride carbonica e prodotti di scarto perché venga ripulito e arricchito di ossigeno prima di essere rimesso in circolo verso gli organi e i tessuti del corpo. Nella circolazione polmonare avviene il contrario di quanto accade nella circolazione sistemica: nella polmonare sono le vene, e non le arterie, a trasportare il sangue ripulito e ricco di ossigeno e sono le arterie, e non le vene, a trasportare il sangue ricco di anidride carbonica e di prodotti di scarto.  

Come sono strutturate le vene polmonari?

Le vene polmonari sono lunghe in media 1,5 centimetri e hanno un diametro di circa 15 millimetri. Hanno pareti elastiche e sottili e non sono dotate di valvole. Da ognuno dei due polmoni derivano due vene polmonari: da quello di sinistra, che ha due lobi, ne origina una per lobo. Da quello di destra, che ha tre lobi, ne origina una dal lobo inferiore e una in comune dagli altri due lobi, quello medio e quello superiore. In genere le vene che collegano il polmone di destra con il cuore (vene polmonari di destra) sono leggermente più grosse di quelle che partono dal polmone sinistro (vene polmonari di sinistra). Le quattro vene polmonari sono così chiamate:
  • vena polmonare superiore destra, che confluisce nell’atrio sinistro del cuore nei pressi del setto interatriale
  • vena polmonare inferiore destra, che confluisce nell’atrio sinistro del cuore nei pressi del setto interatriale
  • vena polmonare superiore sinistra, che confluisce nell’atrio sinistro del cuore vicino alla parete laterale
  • vena polmonare inferiore sinistra, che confluisce nell’atrio sinistro del cuore vicino alla parete laterale.
 

Qual è la funzione delle vene polmonari?

La funzione delle vene polmonari è trasportare il sangue ripulito e ossigenato dai polmoni all’atrio sinistro del cuore, da cui in seguito viene pompato nel resto dell’organismo.