Arterie polmonari

Che cosa sono le arterie polmonari?

Le arterie polmonari sono i vasi sanguigni in cui scorre il sangue carico di anidride carbonica e di prodotti di scarto che proviene dalla circolazione periferica ed è diretto al cuore e ai polmoni per essere ripulito. Nella circolazione polmonare – chiamata anche circolazione cuore-polmoni o piccola circolazione – il compito di arterie e vene è invertito rispetto alla grande circolazione: qui le arterie trasportano il sangue “sporco”, carico di anidride carbonica (mentre nella grande circolazione questo compito viene assolto dalle vene) e le vene polmonari trasportano il sangue carico di ossigeno (compito assolto, nella grande circolazione, dalle arterie)  

Come sono strutturate le arterie polmonari?

Il nostro organismo ha due arterie polmonari: l’arteria polmonare destra, più lunga e più grande, e l’arteria polmonare sinistra, meno grande e più corta. Le due arterie si dirigono verso il proprio polmone di riferimento, affiancate dalla vena e dal bronco corrispondenti. Entrano nei polmoni, dove si ramificano seguendo la struttura dei bronchi fino a raggiungere gli alveoli polmonari, a livello dei quali avviene l’ossigenazione del sangue.  

Qual è la funzione delle arterie polmonari?

La funzione delle arterie polmonari è trasportare ai polmoni il sangue “sporco”, cioè ricco di anidride carbonica e di prodotti di scarto, che proviene dalla circolazione periferica.

Bronchi e bronchioli

Che cosa sono i bronchi e i bronchioli?

I bronchi sono i condotti dell’apparato respiratorio che consentono il passaggio dell’aria tra la trachea, i bronchioli e gli alveoli polmonari. Sono, per essere precisi, le due ramificazioni della trachea che, a destra e a sinistra, si dirigono verso l’ilo polmonare. Il bronco destro, posto in corrispondenza del polmone destro – che ha maggior volume e capacità respiratoria rispetto a quello sinistro – è più corto del bronco sinistro ma ha un maggior calibro rispetto a questo. I bronchioli sono invece le piccole diramazioni dei bronchi che si distribuiscono all’interno dei polmoni. Sulla loro estremità sono presenti gli alveoli polmonari che si diramano a loro volta in piccole strutture a forma di grappolo che sono chiamate sacchi alveolari e hanno la funzione di consentire gli scambi gassosi tra le vie respiratorie e il sangue.  

Come sono strutturati i bronchi e i bronchioli?

I bronchi sono ricoperti da una guaina fibrocartilaginea e muscolare e per questo sono semirigidi. All’interno sono ricoperti da una mucosa che ha ciglia e ghiandole la cui funzione è quella di eliminare i batteri e le particelle nocive che vengono inalate insieme all’aria. Le pareti dei bronchioli sono invece formate da epitelio a cellule cubiche, la loro struttura è quella caratteristica di una muscolatura liscia e di un tessuto connettivale elastico. Vista nel suo complesso, la struttura dei bronchi sembra quella di un albero, non a caso viene definita “albero bronchiale”, ed è costituita da:
  • un bronco principale (destro o sinistro) che è costituito da un bronco esterno e da uno interno al polmone
  • due o tre bronchi lobari e alcuni segmentali che costituiscono le diramazioni degli stessi bronchi principali
  • bronchi sempre più piccoli che diventano prima bronchioli e poi terminano negli alveoli polmonari.
 

Qual è la funzione dei bronchi e bronchioli?

La funzione dei bronchi è consentire il passaggio dell’aria dalla trachea ai bronchioli, che rappresentano la parte finale delle vie respiratorie e sono gli organi attraverso cui avvengono gli scambi dell’apparato respiratorio con il sangue.

Polmoni

Che cosa sono i polmoni?

I polmoni sono gli organi dell’apparato respiratorio che forniscono ossigeno all’organismo, eliminano l’anidride carbonica presente nel sangue e permettono gli scambi gassosi tra aria e sangue (ematosi). Sono due e sono posti nella cavità toracica, Tra loro sono separati dal mediastino, lo spazio che è compreso tra lo sterno e la colonna vertebrale che contiene altri organi come il cuore, la trachea, l’esofago, i bronchi, il timo oltre ai grossi vasi. La cosiddetta capacità polmonare consiste nella quantità di aria che può essere contenuta in ognuno dei due polmoni, che varia a seconda del sesso e dello sviluppo fisico della singola persona, oltre che alla specifica fase di respirazione in atto. Quando l’inspirazione è ordinaria, in condizioni normali, l’aria può essere pari a 3.400-3.700 cm3, quando l’inspirazione è forzata la quantità d’ara può giungere anche a 5.000-6.000 cm3.  

Come sono fatti I polmoni?

I polmoni hanno una forma simile a un cono e possono raggiungere, in un adulto maschio, una lunghezza di circa 25 centimetri, con il polmone destro che è leggermente più grande e più pesante del sinistro (680 grammi contro 620 grammi). Nelle donne questi organi hanno dimensioni e pesi minori. Il polmone destro ha tre lobi – superiore, medio e inferiore – mentre quello sinistro ne ha solo due, superiore e inferiore. A loro volta, i lobi sono suddivisi in segmenti broncopolmonari, serviti da un bronco segmentale suddiviso in strutture sempre più piccole fino a giungere agli alveoli polmonari, le strutture che hanno il compito di permettere gli scambi gassosi tra l’aria e il sangue.  

Qual è la funzione dei polmoni?

Ai polmoni arriva il sangue della circolazione periferica e quindi carico di anidride carbonica e di sostanze di scarto e provvedono a ripulirlo prima di reinviarlo al cuore carico di ossigeno. Il cuore, poi, lo redistribuirà ai vari organi e tessuti. L’intero processo potrebbe essere garantito anche da un solo polmone.