Latte di vacca

Il latte di vacca, detto anche latte vaccino, è quello che viene prodotto dalle ghiandole mammarie delle vacche.

Per il consumo, può essere sottoposto a pastorizzazione, processo con cui vengono uccisi virus, batteri o parassiti presenti nel latte che potrebbero essere pericolosi per il nostro organismo.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali del latte di vacca?

100 grammi di latte di vacca offrono un apporto di circa 64 calorie, così ripartite: 21% proteine, 51% lipidi e 28% carboidrati.

Nella stessa quantità si trovano:

 

Quando non bisogna mangiare latte di vacca?

Il latte di vacca può interferire con l’assunzione di alcuni antibiotici come la ciprofloxacina e le tetracicline. In presenza di dubbio meglio chiedere consiglio al proprio medico.

 

Quali sono i possibili benefici del latte di vacca?

Il latte di vacca contiene proteine di alta qualità, acidi essenziali e lattosio che agevola l’assorbimento di calcio e zinco e di oligosaccaridi dall’effetto probiotico.

Vitamine e minerali presenti nel latte vaccino svolgono attività antiossidante (vitamine A, C ed E e selenio), agevolano il buon funzionamento del metabolismo (vitamine del gruppo B e zinco), sono alleate della salute cardiovascolare (potassio) e di quella di denti e ossa (calcio, magnesio e fosforo).

Il consumo di latte di vacca riduce il rischio di infiammazione e di ipertensione e modula l’attività del sistema immunitario grazie alla presenza di piccole molecole, le “componenti funzionali”, che svolgono azioni benefiche.

 

Quali sono le controindicazioni del latte di vacca?

Il latte di vacca è sconsigliato a chi soffre di allergia al latte o di intolleranza al lattosio.

 

Avvertenza

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi alle indicazioni del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.