Edamame

Gli edamame sono i fagioli della soia. Sono molto consumati dal punto di vista alimentare in Giappone, Cina e Corea, oggi molto diffusi anche in Europa e America.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali dell’edamame?

100 grammi di edamame surgelati offrono un apporto di circa 109 calorie. Nella stessa quantità sono presenti:

Gli edamame sono inoltre una buona fonte di fitoestrogeni.

 

Quando non bisogna mangiare edamame?

Il consumo di edamame può interferire con l’assunzione di alcuni farmaci come quelli per il trattamento della tiroide. I diuretici, i MAO inibitori e il warfarin.

 

Quali sono i possibili benefici dell’edamame?

Le vitamine del gruppo B in generali favoriscono i processi metabolici; la vitamina B9 previene anomalie del sistema nervoso del feto durante la gestazione; la vitamina C rafforza le difese antiossidanti, così come il manganese; il potassio favorisce la salute cardiovascolare; fosforo e calcio aiutano la salute di ossa e denti; il ferro contribuisce alla produzione di emoglobina e le fibre migliorano gli effetti dell’alimentazione.

Gli edamame contengono fitoestrogeni e per questo sembrano contrastare alcuni sintomi e disturbi che si presentano durante la menopausa.

 

Quali sono le controindicazioni dell’edamame?

Gli edamame devono essere mangiati cotti, con almeno 20 minuti di bollitura, perché quando sono crudi contengono una tossina che può scatenare diarrea, vomito, dolori allo stomaco.

La soia può inoltre scatenare allergie.

 

Avvertenza

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi alle indicazioni del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.