Coriandolo

Da punto di vista alimentare, il coriandolo è il frutto della pianta omonima, che appartiene alla famiglia delle Apiaceae ed è originaria del Mediterraneo orientale. Oggi viene coltivata soprattutto in Inghilterra, Francia Paesi Bassi.

La forma dei frutti, quando sono essiccati, è simile a quella dei granelli di pepe, il colore è giallognolo, il sapore è simile a quello della scorza d’arancia o di limone. In genere sono utilizzati per aromatizzare cibi e bevande.

Le foglie della piante del coriandolo, fresce ed essiccate, sono simili a quelle del prezzemolo ma si differenziano da quelle per il loro tipico sapore piccante.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali del coriandolo?

100 grammi di frutti essiccati di coriandolo offrono un apporto di circa 298 calorie. Nella stessa quantità sono presenti:

100 grammi di foglie essiccate di coriandolo, invece, offrono un apporto di circa 279 calorie. Nella stessa quantità sono presenti:

 

Quando non bisogna mangiare coriandolo?

Il consumo di coriandolo deve essere controllato quando si fa uso di farmaci neurostimolanti per evitare che il primo contribuisca ad aumentare gli effetti dei secondi. In presenza di dubbio, meglio chiedere consiglio al proprio medico.

 

Quali sono i possibili benefici del coriandolo?

I molti minerali contenuti nel coriandolo sono essenziali per la salute e il buon funzionamento dell’organismo.

Noti sono i suoi benefici in relazione ai problemi di natura digestiva grazie alle sue proprietà carminative, con riduzione dei gas intestinali, e antispasmodiche. Tra i benefici, quelli di ridurre il gonfiore e le difficoltà digestive.

Questo frutto, inoltre, stimola l’attività del cervello e l’appetito, attenua la stanchezza e la fatica e fornisce un effetto antibatterico e fungicida.

 

Quali sono le controindicazioni del coriandolo?

Se consumato in eccesso, il coriandolo può causare disturbi nervosi e renali.

 

Avvertenza

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi alle indicazioni del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.