Olfatto

Che cos’è l’olfatto?

Noto anche con il nome di odorato, l’olfatto è il senso deputato alla percezione degli stimoli odorosi. Al fine di ottenere la percezione degli odori è indispensabile l’interazione tra il naso (la cui mucosa è in grado di recepire gli stimoli olfattivi), le cellule che sono deputate al trasporto di questi stimoli e il cervello che decodifica gli stimoli e li muta in percezione.  

Quali sono i meccanismi che presiedono all’olfatto?

L’olfatto è uno dei cinque sensi – gli altri sono gusto, tatto, udito e vista – ed è quello che permette di percepire gli stimoli odorosi. I chemorecettori sono delle particolari cellule deputate alla ricezione degli odori: sono in grado di reagire alle caratteristiche chimiche delle sostanze odorose e sono situate in una particolare area della mucosa nasale, la mucosa olfattiva, che si caratterizza per la pigmentazione giallastra. Questi neuroni altamente specializzati sono dotati di un ciuffo di ciglia e la loro base si prolunga in fibre nervose che, attraversando l’osso etmoide – l’osso che rappresenta il tetto delle fosse nasali – arrivano sino ai bulbi olfattivi; da qui partono altri neuroni che giungono al cervello innescando la percezione dell’odore. All’interno della mucosa olfattiva le molecole odorose – prima di fissarsi sulle ciglia dei neuroni – vengono rese solubili: è questo fenomeno che innesca il messaggio nervoso dello stimolo odoroso che, passando tramite i bulbi olfattivi, raggiunge il cervello.  

Quali patologie possono essere collegate all’olfatto?

Le patologie dell’olfatto possono essere di due tipi, quantitative e qualitative. Le prime sono rappresentate da iposmia, ovvero una parziale riduzione del senso dell’odorato, e anosmia, ovvero una totale riduzione. Nel caso di riduzioni qualitative del senso dell’olfatto, si parla invece di parosmia, un disturbo che si caratterizza per l’alterazione del senso dell’olfatto. Le cause alla base di questi disturbi possono essere molteplici: sinusiti, riniti, neoplasie, lesioni della mucosa di varia origine (traumatica, infiammatoria o virale). I disturbi dell’olfatto condizionano in maniera inevitabile anche il senso del gusto.

Organi di senso

Che cosa sono gli organi di senso?

Gli organi di senso sono gli organi che permettono che ci sia interazione dell’organismo umano con il mondo esterno.  

Come sono strutturati gli organi di senso?

Gli organi di senso corrispondono ai sensi e dunque sono cinque:  

Qual è la funzione degli organi di senso?

La funzione degli organi di senso è permettere all’organismo umano l’interazione con il mondo esterno.

Parestesia

Che cos’è la parestesia?

La parestesia è la percezione alterata degli stimoli sensitivi, cioè quelli che riguardano il tatto e la percezione del dolore, del calore, del freddo e delle vibrazioni. La percezione può variare sia per quando riguarda l’insorgenza sia in relazione alla durata e alla dislocazione degli stimoli.  

Quali altri sintomi possono essere associati alla parestesia?

Alla parestesia possono accompagnarsi vari stimoli come prurito, pizzicore, solletico o formicolio che si manifestano senza che ve ne sia un apparente motivo.  

Quali sono le cause della parestesia?

La parestesia può avere cause che sorgono a livello del sistema nervoso, sia centrale sia periferico, o può essere conseguenza di traumi o ustioni. Può inoltre essere inoltre la manifestazione di varie patologie, tra cui: aterosclerosi, ansia, artrosi cervicale, cefalea, emicrania, attacchi di panico, ernia del disco, ictus, piede diabetico, sclerosi multipla, sindrome del tunnel carpale, vene varicose e poliomielite.  

Quali sono i rimedi contro la parestesia?

La cura della parestesia dipende dalla sua causa: occorre individuarla e intervenire su questa.  

Parestesia, quando rivolgersi al proprio medico?

Una condizione caratterizzata da parestesia deve sempre essere portata a conoscenza del proprio medico.  

Area medica di riferimento per la parestesia

In Humanitas Castelli Bergamo l’area medica di riferimento per la parestesia è l’Ambulatorio di Neurologia.