Eosinofili

Che cosa sono gli eosinofili?

Gli eosinofili sono globuli bianchi cui è affidato il compito di difendere l’organismo dall’attacco di parassiti come i vermi intestinali. Una loro copiosa presenza può segnalare la presenza di un’infezione, un’infiammazione o una malattia allergica.

Globuli bianchi

Che cosa sono i globuli bianchi?

I globuli bianchi, chiamati anche leucociti, sono cellule presenti nel sangue che fanno parte del sistema immunitario e cui è demandato il compito di difendere l’organismo dall’attacco portato da microrganismi patogeni o da corpi estranei che penetrano nell’organismo attraverso la cute o le mucose. Più precisamente, i globuli bianchi sono posti a difesa dell’organismo nei confronti di infezioni di varia natura, come quelle che vengono originate da virus, batteri, parassiti e miceti.  

Distinzione dei globuli bianchi

I globuli bianchi sono divisi in sei sottogruppi, ognuno dei quali ha funzioni distinte di difesa del’organismo:
  • basofili, che difendono da allergie e alcuni parassiti
  • eosinofili, che difendono dai parassiti
  • neutrofili, che agiscono inglobando e distruggendo le particelle estranee
  • linfociti, che si incaricano delle specifiche risposte immuni
  • monociti, che difendono, anch’essi, da allergie e parassiti
  • cellule dendritiche, che attivano le difese immunitarie in presenza di un attacco che proviene dall’esterno.
 

L’esame dei leucociti (globuli bianchi)

Il livello di leucociti (globuli bianchi) nel sangue viene verificato attraverso un prelievo che viene effettuato da una vena del braccio.

Immunoglobuline

Che cosa sono le immunoglobuline?

Le immunoglobuline, dette anche anticorpi, sono molecole glicoproteiche che vengono prodotte dai linfociti B. Si legano a uno specifico antigene e ne agevolano l’eliminazione. Sono suddivise in cinque differenti classi:
  • immunoglobuline di tipo A (IgA), che hanno il compito di difendere le mucose, come ad esempio quelle di polmoni, intestino e bronchi
  • immunoglobuline di tipo E (IgE), coinvolte nella risposta agli attacchi portati dai parassiti (come i vermi) e derivanti dalle allergie
  • immunoglobuline di tipo M (IgM), intervengono per prime quando si verifica un contatto con un nuovo agente estraneo
  • immunoglobuline di tipo G (IgG), si attivano in un secondo momento, dopo che già si è verificato un incontro con l’antigene
  • immunoglobuline di tipo D, di cui non è ancora del tutto chiara la funzione specifica.

Infezione da cibo contaminato

Cos’è un’infezione da cibo contaminato?

Le infezioni da cibo contaminato possono avere alla base agenti patogeni molto diversi: batteri, virus o parassiti. Finora sono state descritte più di 250 diverse infezioni causate da alimenti contaminati. In molti casi si tratta di microbi presenti in animali apparentemente sani (di solito nel loro intestino) allevati per il cibo. La carne (compreso il pollame) potrebbe essere contaminata durante la macellazione a causa del contatto con piccole quantità di materiale intestinale. La frutta e la verdura fresche possono essere contaminati dal lavaggio o dall’irrigazione con acqua contaminata da escrementi animali o umani. Altri esempi sono la salmonella, che può infettare le ovaie della gallina contaminando le uova anche prima della formazione del guscio, e i frutti di mare, in grado di accumulare i batteri naturalmente presenti nell’acqua di mare o scaricati in essa dall’attività umana.  

Come si conta l’infezione da cibo contaminato?

L’infezione da cibo contaminato si contrae con l’ingestione di alimenti contaminati da agenti patogeni. Talvolta gli agenti patogeni che contaminano il cibo possono anche essere contratti senza mangiarlo. Questo è il caso della salmonella, che può contaminare le uova e può anche contaminare gli utensili o altri alimenti per contatto. Anche il campilobatterio, un batterio che può contaminare il pollo, può ad esempio diffondersi in cucina attraverso l’acqua. Per questa ragione è bene prestare attenzione all’igiene in cucina, pulendo le mani, lavando gli utensili e superfici che sono state a contatto con un alimento prima di maneggiarne un altro e facendo attenzione al contatto tra cibo cotto e crudo.  

Quali malattie e sintomi possono essere associati all’infezione da cibo contaminato?

Non esiste una sola sindrome associata a un’infezione da cibo contaminato. I sintomi variano da caso a caso a seconda del batterio, virus o parassita che li causa. Per esempio, un batterio o le tossine da esso prodotte possono causare sintomi gastrointestinali. Si tratta dei campanelli d’allarme più spesso associati alle infezioni da alimenti contaminati in particolare: nausea, vomito, crampi addominali, diarrea.  

Come si può curare un’infezione da cibo contaminato?

La cura delle infezioni da cibo contaminato dipende dalla natura dell’agente patogeno che le ha causate. La prima regola da seguire è, nella maggior parte dei casi, quella di garantire un’adeguata idratazione, che riguarderà sia la disidratazione sia la perdita di elettroliti tipicamente associata ai sintomi delle infezioni alimentari contaminate. Per assicurare un’adeguata idratazione, bere acqua; se i sintomi includono il vomito, si dovrebbero sorseggiare solo piccole quantità. Spesso, inoltre, i disturbi gastrointestinali rendono difficile l’alimentazione. Per questo motivo, dopo un’infezione da cibo contaminato è necessario riprendere a mangiare gradualmente, scegliendo cibi facili da digerire come riso, patate, pane, cereali, carne magra e banane. Occorre evitare cibi grassi e ricchi di zuccheri, latticini, prodotti contenenti caffeina e alcool. Per quanto concerne i farmaci, negli adulti alcuni principi attivi possono essere utili per combattere la diarrea (ad esempio la loperamide), ma sono controindicati se c’è sangue nelle feci. Non bisogna inoltre dimenticare che se l’infezione è causata da batteri o parassiti i farmaci da banco possono addirittura prolungare il disturbo. L’uso di antibiotici è variabile e talvolta controverso. Alcuni studi suggeriscono che l’eritromicina può essere utile in caso di infezioni da Campylobacter, invece in caso di salmonellosi l’uso di questi farmaci è sconsigliato. D’altra parte, gli antibiotici (di solito ampicillina e gentamicina) sono il trattamento di scelta in caso di infezione da Listeria. Nel caso di sintomi e complicazioni pericolose per la salute, può essere necessario il ricovero in ospedale.  

Importante avvertenza

Le informazioni fornite sono di carattere generale e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico. In caso di malessere, consultare il proprio medico o il pronto soccorso.

Monociti

Che cosa sono i monociti?

I monociti sono i più grandi tra i globuli bianchi. Sono presenti nel sangue in una percentuale che varia tra l’1 e il 6%. Vengono prodotti dal midollo osseo e attraverso il flusso sanguigno giungono a livello dei tessuti, dove è richiesto il loro intervento. Giunti nei tessuti si ingrossano e diventano macrofagi, pronti a rispondere agli attacchi esterni portati da vari elementi, come i parassiti, i vermi intestinali oppure in caso di allergia. Allo stesso modo dei neutrofili, anzi in misura a loro maggiore, agiscono tramite fagocitosi: divorano gli agenti infettivi – che possono essere batterici, virali o micotici –, i residui delle cellule morte o di quelle che semplicemente risultano essere danneggiate.

Perdite vaginali

Che cosa sono le perdite vaginali?

Le perdite vaginali sono secrezioni sierose o sieromucosi che possono essere di varia abbondanza e che contengono organismi vari e cellule desquamate della mucosa vaginale e della mucosa uterina. Quando c’è presenza di patologie o di altre cause come virus, batteri, funghi e parassiti capaci di alterare l’equilibrio della flora batterica vaginale, queste perdite possono diventare maleodoranti e assumere un colorito differente passando dal biancastro o grigiastro al verdastro o giallastro.  

Quali altri sintomi possono essere associati alle perdite vaginali?

Se dovute a cause patologiche, le perdite vaginali possono essere accompagnate da dolore e prurito, soprattutto durante i rapporti sessuali. In alcuni casi si possono avvertire anche fastidi o dolori durante l’atto della minzione.  

Quali sono le cause delle perdite vaginali?

Le perdite vaginali possono essere causate da varie patologie, tra cui ci sono candida, cervicite, gonorrea, vaginite e cancro al collo dell’utero.  

Quali sono i rimedi contro le perdite vaginali?

Per curare le perdite vaginali è necessario individuarne le cause e intervenire su queste. Se si è in presenza di infezioni provocate da batteri si può procedere con l’assunzione di antibiotici. Se le perdite sono causate da funghi il trattamento sarà a base di antimicotici, se invece la causa sono infezioni vaginali sarà necessario intervenire direttamente sull’infezione utilizzando, ad esempio, creme o detergenti intimi.  

Perdite vaginali, quando rivolgersi al proprio medico?

La presenza di perdite vaginali deve sempre essere sottoposta all’attenzione del proprio medico. È sempre meglio evitare di adottare soluzioni fai-da-te.  

Area medica di riferimento per le perdite vaginali

In Humanitas Castelli Bergamo l’area medica di riferimento per le perdite vaginali è il Servizio di Ginecologia.