Prostata

Che cos’è la prostata?

Conosciuta anche col nome di ghiandola prostatica, la prostata è una ghiandola dell’apparato riproduttivo maschile, costituita da tessuto fibroso e muscolare, la cui principale funzione è quella di produrre e immagazzinare il liquido seminale (sperma) che verrà poi rilasciato nel corso dell’eiaculazione. È situata al di sotto della vescica urinaria e davanti al retto, dal quale dista solo pochi centimetri.  

Com’è fatta la prostata?

Le dimensioni e la forma della prostata ricordano quelle di una castagna – lunga circa 3 cm, larga 4 cm e spessa 2,5 cm – con la parte più stretta rivolta verso il basso. Nel bambino è di dimensioni ridotte, per poi svilupparsi nel corso della pubertà. A maturazione sessuale completa, arriva di solito a pesare – in condizioni fisiologiche – tra i 10 e i 20 gr. Formata da lobi, essa avvolge la prima parte dell’uretra, il canale che è deputato al trasporto dell’urina verso l’esterno del corpo. La sua parte centrale circonda i dotti eiaculatori; ci sono poi due lobi laterali, un’area anteriore e una periferica (quest’ultima costituisce da sola il 70% circa dell’intero volume della ghiandola). Può essere bersaglio di diverse patologie tra cui infezioni, infiammazioni, neoplasie, calcolosi e cisti.  

A che cosa serve la prostata?

La principale funzione della prostata è esocrina: secerne difatti il liquido prostatico e, in collaborazione con le ghiandole bulbouretrali e con le vescicole seminali – unitamente alle quali rappresenta le cosiddette “ghiandole seminali accessorie” -, provvede a produrre lo sperma. Il liquido prostatico costituisce all’incirca un quarto del totale dello sperma e svolge diverse funzioni:
  • aumenta la motilità degli spermatozoi
  • partecipa ai processi di fluidificazione/coagulazione dello sperma
  • attenua l’acidità di urine e secreti vaginali, consentendo una maggiore sopravvivenza agli spermatozoi.
La secrezione del liquido prostatico è regolata dagli ormoni maschili (gli androgeni, che sono prodotti prevalentemente dai testicoli).

Vescicole seminali

Che cosa sono le vescicole seminali?

Le vescicole seminali, alla pari della prostata e delle ghiandole bulbouretrali, sono due ghiandole che fanno parte dell’apparato riproduttivo maschile e che appartengono, nello specifico, al gruppo delle ghiandole sessuali accessorie. Le patologie che possono colpire le vescicole – come ad esempio infezioni, emospermia e, di rado, tumori – possono procurare riduzione o anche eliminazione della fertilità.  

Dove sono e come sono fatte le vescicole seminali?

Le vescicole seminali sono poste al di sopra della prostata, una per lato, e sfociano nei dotti escretori che, a loro volta, sboccano nei dotti referenti, nei quali avviene il trasporto dello sperma. Sono lunghe circa 5 centimetri e hanno una conformazione ovoidale.  

Qual è la funzione delle vescicole seminali?

Le due vescicole seminali hanno la funzione di produrre la sostanza vischiosa che compone in larga parte (per due terzi) lo sperma. Durante l’eiaculazione le vesciche si contraggono e spingononei dotti referenti la sostanza vischiosa che hanno prodotto , dove si mescolerà con gli spermatozoi provenienti dai testicoli.