Astenia

Che cos’è l’astenia?

L’astenia è la debolezza che è conseguenza di una perdita di forza dal punto di vista muscolare. Tale debolezza non dipende quindi dall’avere compiuto sforzi in precedenza, anche se può essere aumentata da questo, e non si esaurisce nemmeno osservando un periodo di riposo assoluto.  

Quali sono le cause dell’astenia?

L’origine dell’astenia può essere psichica, in situazioni contraddistinte da ansia o da depressione, o fisica, nei casi in cui dipenda da una patologia. Tra le patologie che possono essere alla base di astenia ci sono: Alzheimer, artrite, artrite reumatoide, ipertiroidismo, ipotiroidismo, rettocolite ulcerosa, morbo di Crohn, intolleranze alimentari, anemia, angina pectoris, aterosclerosi, celiachia, sclerosi multipla, tonsillite, varicella, sindrome premestruale e vari tumori tra cui quelli a colon-retto, fegato, rene, ovaio e stomaco.  

Quali sono i rimedi contro l’astenia?

Per curare l’astenia è necessario individuare la sua causa – fisica o psichica – e intervenire su questa.  

Astenia, quando rivolgersi al proprio medico?

In presenza di astenia è consigliabile rivolgersi al proprio medico nel caso in cui si sia in presenza di una delle patologie associabili a questo sintomo.  

Area medica di riferimento per l’astenia

In Humanitas Castelli Bergamo l’area medica di riferimento per l’astenia è l’Ambulatorio di Neurologia.

Uva sultanina

L’uva sultanina è l’uva Vitis vinifera che viene utilizzata dal punto di vista alimentare nella sua forma essiccata, che prende il nome di uva passa. La sua produzione è particolarmente diffusa in Turchia e Australia.  

Quali sono le proprietà nutrizionali dell’uva sultanina?

100 grammi di uva sultanina offrono un apporto di circa 299 calorie. Nella stessa quantità sono presenti: L’uva sultanina è inoltre fonte di polifenoli quali il resveratrolo e le antocianine.  

Quando non bisogna mangiare uva sultanina?

Il consumo di uva sultanina può interferire con l’assunzione di farmaci metabolizzati dal citocromo P450, di antiaggreganti o di anticoagulanti.  

Quali sono i possibili benefici dell’uva sultanina?

L’uva sultanina essiccata ha buone proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antitumorali. Il suo consumo può contribuire a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e, grazie alla presenza del resveratrolo, a proteggere da diversi tumori, dall’Alzheimer e altre malattie neurodegenerative, dall’ictus e da infezioni virali o micotiche. Manganese e rame aiutano a combattere lo stress ossidativo; le antocianine esercitano azioni antiallergiche, antimicrobiche, antinfiammatorie e antitumorali; le fibre aiutano ad agevolare il buon funzionamento dell’intestino e l’assorbimento di zuccheri e colesterolo; il potassio protegge la salute cardiovascolare; il ferro ha importanza per la produzione dei globuli rossi; le vitamine del gruppo B agevolano il buon funzionamento del metabolismo.  

Quali sono le controindicazioni dell’uva sultanina?

L’uva sultanina può essere trattata, durante la sua coltivazione, con anidride solforosa, sostanza che in persone sensibili è in grado di rendere più intense forme di asma o reazioni allergiche di vario tipo.  

Avvertenza

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi alle indicazioni del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.