La World Health Organization (Organizzazione Mondiale della Sanità) stima che, se non saranno attuate efficaci politiche di contrasto, entro il 2030 moriranno ogni anno oltre 8 milioni di fumatori, più dell’80% nei Paesi a basso e medio reddito.

In questo panorama, il cui il “vizio del fumo” sembra non subire flessioni, gli ospedali Humanitas, in collaborazione con Fondazione Humanitas per la Ricerca e Acqua Vitasnella, nella Giornata mondiale senza tabacco 2019 – in programma il 31 maggio –, danno vita alla campagna di sensibilizzazione Spegni la tua voglia di fumare con un sorso d’acqua, volta a evidenziare i rischi associati al fumo e a promuovere la prevenzione delle patologie polmonari.

«Gli ospedali sono un luogo fondamentale di prevenzione e diffusione di sani stili di vita, e gli infermieri in questo contesto possono fare molto – spiega Katia Morstabilini, responsabile dei Servizi Assistenziali di Humanitas Castelli e Humanitas Gavazzeni –. Ogni giorno nelle nostre strutture, infermieri formati nella lotta al tabagismo da Ats Bergamo affiancano i pazienti nel loro percorso di cura, dando consigli e indirizzandoli verso i servizi di sostegno presenti sul territorio. Questo confronto inizia già al momento del ricovero, con un’importante attività di counseling».

 

I consigli utili per non ricadere nel vizio del fumo

Alcuni consigli per chi ha deciso di smettere di fumare e non vuole ricadere nel vizio. Ecco che cosa fare nei momenti di crisi:

  • prova a bere un bicchiere di acqua a piccoli sorsi
  • ricordati che il desiderio di fumare dura pochi minuti (circa 5 minuti), poi si riduce nettamente
  • ricordati che il nostro cervello ha registrato la sigaretta come un bel ricordo, per cui è normale pensarci
  • ricordati che non stai rinunciando a nulla: anzi sarai più sano e riuscirai a risparmiare
  • ricordati che hai già ottenuto il tuo scopo, sei un non fumatore
  • cerca altre distrazioni: una piccola passeggiata, prova a tenere le mani occupate (tenere in mano la matita o scarabocchiando qualcosa)
  • mangia con tranquillità, assaporando i cibi
  • evita il caffè dopo il pasto, se ti ricorda la sigaretta
  • prova a lavare i denti più spesso: farlo subito dopo il pasto riduce la voglia di fumare
  • può esserci un periodo di stitichezza: aiutati mangiando più fibre e bevendo più acqua
  • mastica gomme, caramelle senza zucchero, un legnetto di liquirizia
  • utilizza palline antistress, da tenere in mano
  • inizia una nuova vita, compreso un nuovo hobby che dia costantemente stimoli positivi al cervello, come andare in palestra, piscina, corsi ecc.

 

Condividere la propria esperienza sui social

Se è difficile modificare le proprie abitudini, farlo insieme può diventare più sostenibile. Per questo Humanitas Castelli e Humanitas Gavazzeni invitano le persone che stanno provando a smettere di fumare a condividere le foto delle proprie “pause acqua” con hashtag #NoTobaccoDay taggando la pagina facebook di Humanitas Gavazzeni e Castelli.

Le foto più belle verranno ripubblicate sui social degli ospedali per aiutare altre persone a dire stop al fumo.