Onicolisi

Che cos’è l’onicolisi?

Si ha onicolisi quando c’è un’unghia che si stacca dalla sua sede. Questo distacco, in genere graduale e indolore, può essere segnalato da vari indicatori:

  • colorito opaco di una parte di unghia
  • irregolarità del confine tra parte bianca e parte rosa alla base dell’unghia
  • irregolarità della superficie dell’unghia
  • accumulo di pelle ispessita sotto il bordo dell’unghia.

 

Quali sono le cause dell’onicolisi?

L’onicolisi può essere originata da un trauma, da un’eccessiva umidità, dalla troppa esposizione al sole o dall’assunzione di alcuni farmaci come le tetracicline.

Può avere anche un’origine patologica, dipendente da malattie tra cui: ipertiroidismo, psoriasi, dermatofitosi e onicomicosi.

 

Quali sono i rimedi contro l’onicolisi?

Per curare l’onicolisi occorre individuare la sua causa e intervenire su questa. Nel caso questa sia un’infezione, o ci sia presenza di ipertiroidismo o psoriasi potrà essere sufficiente assumere farmaci.

Risolto il problema di onicolisi occorrono circa 6 mesi per fare sì che l’unghia interessata riacquisti il suo stato originario, a meno che non sia stata danneggiata irreparabilmente dall’infezione.

 

Onicolisi, quando rivolgersi al proprio medico?

L’onicolisi deve essere comunicata al proprio medico appena ce ne sia l’occasione anche se non rappresenta comunque un’emergenza di tipo medico.