Infarto del miocardio

Che cos’è l’infarto del miocardio?

Con infarto del miocardio, comunemente chiamato attacco di cuore, ci si riferisce alla morte delle cellule di una specifica parte del cuore a causa di una occlusione (parziale o totale) di una arteria coronarica, responsabile della sua irrorazione. Un infarto cardiaco non comporta necessariamente l’arresto cardiaco.

Un attacco di cuore può verificarsi sia in uno stato di riposo, sia durante uno sforzo fisico e talvolta è il risultato di una forte emozione.

 

Quali sono i sintomi associati all’infarto del miocardio?

Non tutti coloro che sono stati colpiti da un infarto del miocardio segnalano gli stessi sintomi. In generale alcuni possibili avvertimenti sono: nausea e con o senza vomito, ansia, paura di morire, dolore al petto o dolore retrosternale che può raggiungere il collo, la gola, la mascella, le braccia (più comunemente la sinistra), lo stomaco, sudorazione fredda.

 

Che cosa fare in caso di infarto del miocardio?

In caso di sospetto infarto del miocardio si raccomanda di chiamare immediatamente i soccorsi e invitare la vittima a mettersi in posizione semisdraiata e a riposo.

 

Che cosa non fare in caso di infarto?

In caso di infarto al miocardio è assolutamente consigliato di non sottovalutare i sintomi, soprattutto se si è considerati soggetti a rischio.

 

Importante avvertenza

Le informazioni di questa scheda forniscono semplici suggerimenti utili a tenere sotto controllo la situazione in caso di attesa dei soccorsi e non sono in nessun caso da considerarsi interventi che possano sostituire l’intervento degli operatori di primo soccorso.