Aprassia

Che cos’è l’aprassia?

L’aprassia è un disturbo neuropsicologico per cui un malato – pur essendo indenne da paralisi, atassia o demenza – manifesta evidenti difficoltà o un’incapacità nell’eseguire movimenti volontari.

La gran parte dei soggetti che vengono colpiti da questa condizione non è consapevole del proprio deficit.

Il termine aprassia deriva dal greco “a-praxìa”, dove il prefisso “a” indica una privazione e “praxìa” significa “fare” – e significa, in senso letterale, “impossibilità a fare”.

 

Quali malattie si possono associare all’aprassia?

Tra le patologie che possono essere collegate all’aprassia ci sono le seguenti: lesioni cerebrovascolari, lesioni del corpo calloso, morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson.

Si rammenta come questo non sia un elenco esaustivo e che, in presenza di sintomi persistenti, è sempre opportuno consultare il proprio medico di fiducia.

 

Quali sono i rimedi contro l’aprassia?

I rimedi contro l’aprassia si basano principalmente sulla riabilitazione  – le figure di riferimento sono solitamente i terapisti fisici o occupazionali e i logopedisti –. Ad oggi una terapia farmacologica specifica, mirata alla risoluzione dei sintomi di questo disturbo, non è stata ancora individuata.

Nonostante questo disturbo venga classificato tra le malattie neuropatologiche invalidanti, alcune forme meno severe tendono a risolversi spontaneamente.

 

Con l’aprassia quando rivolgersi al proprio medico?

In caso di forte trauma o in presenza di una delle patologie a essa associate (si veda l’elenco delle patologie associate) è consigliabile rivolgersi al proprio medico per un consulto.