Cappuccino

Il cappuccino è una bevanda che viene preparata con l’aggiunta di caffè a una tazza di latte in precedenza scaldato e montato a schiuma.  

Quali sono le proprietà nutrizionali del cappuccino?

Una tazza di cappuccino offre un apporto di circa 120 calorie. Di queste almeno 50 sono sotto forma di grassi. Nella stessa quantità sono presenti:  

Quando non bisogna bere cappuccino?

Il consumo di latte può interferire con l’assunzione di alcuni antibiotici, come le tetracicline e la ciprofloxacina. La stessa interferenza con antibiotici può sorgere anche dal consumo di caffè, che può entrare in conflitto anche con altri principi attivi come la clozapina e l’efedrina. In caso di dubbio meglio chiedere consiglio al proprio medico.  

Quali sono i possibili benefici del cappuccino?

Non si conoscono particolari benefici derivanti dal consumo di cappuccino, nonostante la presenza di vitamina A e ferro.  

Quali sono le controindicazioni del cappuccino?

La presenza di caffeina può portare, quando assunta in dosi eccessive, a stati d’ansia, insonnia e nervosismo e può essere controindicata quando si è in presenza di problemi di natura cardiovascolare come la pressione alta o di altre patologie come osteoporosi, diabete, glaucoma, diarrea o sindrome del colon irritabile. Il latte di vacca non deve essere consumato quando si è in presenza di intolleranza al lattosio.  

Avvertenza

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi alle indicazioni del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.  

Menta piperita

La menta piperita è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Lamiaceae.  

Quali sono le proprietà nutrizionali della menta piperita?

Un cucchiaio di menta piperita fresca, più o meno una quantità di 3 grammi, apporta circa 2 calorie. Nella stessa quantità sono presenti:  

Quando non bisogna mangiare menta piperita?

Il consumo di menta piperita può creare interferenze con l’assunzione di ciclosporina o di altri farmaci trasformati dal fegato. In caso di dubbio chiedere consiglio al proprio medico.  

Quali sono i possibili benefici della menta piperita?

La menta piperita ha un alto potere rinfrescante per la bocca e per la gola. Ha inoltre una capacità analgesica per cui viene considerata un valido anestetico locale e in grado di combattere le irritazioni. Buona è la sua capacità di rilassare le pareti intestinali e la muscolatura liscia degli sfinteri e per questo viene utilizzata per combattere disturbi come la sindrome del colon irritabile. Dal punto di vista nutrizionale è fonte di antiossidanti oltre che di potassio, ottimo per favorire la salute cardiovascolare e fosforo, calcio e magnesio alleati della salute di ossa e denti, e potassio  

Quali sono le controindicazioni della menta piperita?

Il consumo di menta piperita deve essere tenuto sotto controllo da chi soffre di reflusso gastroesofageo perché l’effetto rilassante sulle pareti dell’esofago e sugli sfinteri proprio di questo alimento può contribuire ad aumentare e aggravare i sintomi di questa patologia.  

Avvertenza

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi alle indicazioni del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.