Cardiopalmo

Che cos’è il cardiopalmo?

Il cardiopalmo, conosciuto anche come “palpitazione”, si verifica qualora il battito del cuore viene avvertito in modo particolare, a causa di:
  • un’accelerazione del ritmo cardiaco (detta anche tachicardia) che può essere relazionata da una forte emozione o da un intenso sforzo fisico;
  • un’irregolarità del ritmo cardiaco, dovuto a extrasistoli, cioè a quella condizione del battito che genera quella sensazione di avere il cuore che “perde colpi”
 

Quali sono le cause del cardiopalmo?

Il cardiopalmo può avere cause di natura nervosa, come ad esempio delle situazioni di stress o particolare ansia. Può anche avere cause di natura organica, che vanno dalla cattiva digestione, all’anemia e ad alcune patologie, tra le quali si possono includere: angina pectoris, colica renale, ipertiroidismo, ipertrofia ventricolare, morbo di Graves-Basedow, coronaropatia, embolia polmonare, infarto miocardico.  

Quali sono i rimedi contro il cardiopalmo?

In caso di cardiopalmo bisogna interrompere qualsivoglia attività e mettersi immediatamente a riposo – stendendosi e respirando a fondo – per cercare di far tornare il battito cardiaco a un ritmo regolare.  

Cardiopalmo, quando rivolgersi al proprio medico?

In presenza di cardiopalmo è opportuno sottoporsi al più presto a una visita presso il proprio medico. Occorre invece recarsi nel più vicino presidio di Pronto Soccorso nel caso in cui al soggetto sia stata in precedenza diagnosticata una patologia considerata pericolosa per la salute del sistema cardiocircolatorio.  

Area medica di riferimento per il cardiopalmo

In Humanitas Castelli Bergamo l’area medica di riferimento per il cardiopalmo è il Servizio di Cardiologia.

Ipotensione

Che cos’è l’ipotensione?

L’ipotensione è una condizione in cui la pressione del sangue è molto bassa. Esistono varie tipologie di ipotensione:
  • ortostatica, che si manifesta quando ci si alza in piedi da seduti e che può dipendere dall’uso di alcuni farmaci come ad esempio gli antidepressivi
  • postprandiale, che si presenta dopo i pasti, quando una buona parte del sangue viene convogliata sull’apparato digerente. Può associarsi all’uso di farmaci o alla presenza di patologie legate al sistema nervoso autonomo, come ad esempio la malattia di Parkinson
  • neuromediata, che riguarda soprattutto i giovani ed è dovuta a un’alterazione dei meccanismi di comunicazione tra il cervello e il cuore.
 

Quali sono le cause dell’ipotensione?

L’ipotensione può avere varie cause, tra cui: malattie cardiache o endocrine, disidratazione, emorragie, patologie legate alla gravidanza o alla carenza di vitamina B9 o di vitamina B12. Può essere causata inoltre da varie patologie, come: embolia polmonare, infarto miocardico, insufficienza cardiaca, acidosi metabolica, occlusione intestinale, gastroenterite o anemia.  

Quali sono i rimedi contro l’ipotensione?

Quando l’ipotensione è leggera e non è collegata ad altri sintomi può non essere trattata, può bastare intervenire sul proprio stile di vita adottando un’alimentazione sana, bevendo più acqua, aumentando leggermente il consumo del sale, riducendo quello degli alcolici e utilizzando calze elastiche. In ogni caso è bene individuarne la causa e verificare che non si tratti di una patologia, nel qual caso diventa necessario intervenire su questa. In alcuni casi si dovranno ridurre le dosi assunte di uno specifico farmaco, in altri casi sarà al contrario necessario intraprendere una nuova terapia farmacologica.  

Ipotensione, quando rivolgersi al proprio medico?

In presenza di ipotensione bisogna sempre rivolgersi per un consiglio al proprio medico che, valutata la situazione, provvederà a disporre gli esami e le visite idonee a stabilire se alla base del disturbo ci sono o meno problemi di salute.  

Area medica di riferimento per l’ipotensione

In Humanitas Castelli Bergamo l’area medica di riferimento per l’ipotensione è il Servizio di Cardiologia.