Astenia

Che cos’è l’astenia?

L’astenia è la debolezza che è conseguenza di una perdita di forza dal punto di vista muscolare. Tale debolezza non dipende quindi dall’avere compiuto sforzi in precedenza, anche se può essere aumentata da questo, e non si esaurisce nemmeno osservando un periodo di riposo assoluto.  

Quali sono le cause dell’astenia?

L’origine dell’astenia può essere psichica, in situazioni contraddistinte da ansia o da depressione, o fisica, nei casi in cui dipenda da una patologia. Tra le patologie che possono essere alla base di astenia ci sono: Alzheimer, artrite, artrite reumatoide, ipertiroidismo, ipotiroidismo, rettocolite ulcerosa, morbo di Crohn, intolleranze alimentari, anemia, angina pectoris, aterosclerosi, celiachia, sclerosi multipla, tonsillite, varicella, sindrome premestruale e vari tumori tra cui quelli a colon-retto, fegato, rene, ovaio e stomaco.  

Quali sono i rimedi contro l’astenia?

Per curare l’astenia è necessario individuare la sua causa – fisica o psichica – e intervenire su questa.  

Astenia, quando rivolgersi al proprio medico?

In presenza di astenia è consigliabile rivolgersi al proprio medico nel caso in cui si sia in presenza di una delle patologie associabili a questo sintomo.  

Area medica di riferimento per l’astenia

In Humanitas Castelli Bergamo l’area medica di riferimento per l’astenia è l’Ambulatorio di Neurologia.

Basofili

Che cosa sono i basofili?

I basofili sono globuli bianchi prodotti dal midollo osseo. Così come i neutrofili e gli eosinofili, i basofili rilasciano alcune sostanze chimiche, come l’istamina e l’eparina, che sono utili per la mediazione delle risposte allergiche e infiammatorie. In particolare, questi globuli bianchi sono collegati alle risposte predisposte nei confronti delle allergie in genere e alla presenza di alcuni tipi di parassiti tra cui i vermi intestinali. La presenza di basofili aumenta quando c’è presenza di alcune patologie come l’artrite reumatoide giovanile, la rettocolite ulcerosa, alcune malattie endocrine come l’ipotiroidismo e il diabete, alcune infezioni come la varicella e quando si sta seguendo una cura a base di farmaci estrogeni.

Sangue nelle feci

Che cos’è il sangue nelle feci?

La presenza di sangue nelle feci è una situazione che si può venire a determinare in presenza di un problema del tratto digerente. In particolare di un’emorragia che si verifichi in uno dei punti del tubo digerente, a partire dalla bocca sino ad arrivare all’ano.  

Quali sono le cause del sangue nelle feci?

Le cause della presenza di sangue nelle feci possono essere molteplici. In primo luogo vi possono essere problemi collegati ai vasi sanguigni, poi traumi, danni alla parete dell’esofago o malattie varie, tra le quali si possono includere: polipi intestinali, ragadi anali, rettocolite ulcerosa, tumore allo stomaco, tumore alla cervice uterina, anemia, cirrosi epatica, colite, diverticolite, emorroidi, gastroenterite, gonorrea, insufficienza renale, morbo di Crohn, tumore al colon-retto e tumore all’ano.  

Quali sono i rimedi contro il sangue nelle feci?

Le cure per il sangue nelle feci dipendono dalla causa che ne sta alla base. In alcuni casi la presenza di sangue nelle feci può essere determinata da un problema grave, che dovrà prontamente essere sottoposto all’attenzione di un medico. Da un punto di vista generale, l’intervento curativo potrà andare dall’utilizzo di prodotti topici, da consigliare in caso di emorroidi, all’assunzione di farmaci o, per i casi più gravi, sino all’intervento chirurgico. Molto spesso nei bambini si registra una piccola presenza di sangue nelle feci: non è un problema grave perché può essere semplicemente associato a una costipazione. È comunque opportuno sottoporre il caso al medico pediatra.  

Sangue nelle feci, quando rivolgersi al proprio medico?

È sempre consigliabile rivolgersi al proprio medico curante di fiducia nel caso in cui si notino delle presenze di sangue nelle feci.  

Aree mediche di riferimento per il sangue nelle feci

In Humanitas Castelli Bergamo le aree mediche di riferimento per questo tipo di disturbo sono l’Unità Operativa di Gastroenterologia ed endoscopia digestiva e l’Unità Operativa di Proctologia.

Tè chai

Il tè chai, o masala thai, è una bevanda tipica dell’India, prodotta dall’infusione di tè nero e varie spezie tra cui cardamomo, chiodi di garofano, cannella, zenzero, pepe nero e pepe lungo. Viene in genere preparato in acqua bollente e servito zuccherato con l’aggiunta di un po’ di latte.  

Quali sono le proprietà nutrizionali del tè chai?

Una porzione di tè chai, più o meno 14 grammi, offre un apporto di circa 60 calorie, di cui 10 sotto forma di lipidi. Nella stessa quantità sono presenti: Il tè chai è inoltre fonte di caffeina.  

Quando non bisogna mangiare tè chai?

Il consumo di tè chai può interferire con l’assunzione di farmaci come l’adenosina, la cimetidina, alcuni antibiotici, il dipiridamolo, l’efedrina, gli estrogeni, il warfarin, gli antidiabetici e gli antidepressivi. In presenza di dubbio meglio chiedere consiglio al proprio medico.  

Quali sono i possibili benefici del tè chai?

Al tè chai sono riconosciuti effetti antidepressivi, ansiolitici e rivitalizzanti. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie sembra inoltre in grado di favorire la digestione e aumentare le difese immunitarie. Sarebbe utile per proteggersi da tumori e malattie cardiovascolari e ridurrebbe i sintomi della sindrome premestruale, oltre che il rischio di diabete grazie al fatto che aiuta a mentenere sotto controllo il livello di zuccheri nel sangue. Ma tutte queste proprietà al momento non trovano alcuna conferma scientifica.  

Quali sono le controindicazioni della ricciola?

Se non nella versione decaffeinata, il tè chai può provocare insonnia, nausea, irrequietezza e capogiri. Il suo consumo è sconsigliato durante gravidanza e allattamento ed è controindicata per chi soffre di reflusso gastroesofageo o di acidità gastrica, oltre che di ulcere o rettocolite ulcerosa.  

Avvertenza

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi alle indicazioni del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.  

Tenesmo rettale

Che cos’è il tenesmo rettale?

Il tenesmo rettale è quel fastidio che provoca contrazioni spasmodiche allo sfintere anale, in genere accompagnate da dolore o da uno stimolo continuo all’evacuazione cui però non corrisponde alcuna espulsione di materiale, se non in minime quantità.  

Quali altri sintomi possono essere associati al tenesmo rettale?

Al tenesmo rettale possono essere associati vari sintomi, tra cui: nausea, dolore all’addome, crampi addominali, flatulenza, gorgoglii, prurito anale e bruciore anale.  

Quali sono le cause del tenesmo rettale?

Il tenesmo rettale può derivare da uno stato di ansia o da varie patologie che riguardano l’intestino o l’area anale, tra cui sono ricomprese: gonorrea, onicofagia, polipi intestinali, carcinoma alla cervice uterina, rettocolite ulcerosa, sindrome dell’intestino irritabile, stitichezza, tumore del colon-retto o tumore dell’ano.  

Quali sono i rimedi contro il tenesmo rettale?

Per poter curare il tenesmo rettale è necessario individuarne la causa e intervenire su di essa. In genere può essere sufficiente un intervento farmacologico. In caso di polipi o neoplasie può invece essere necessario un intervento di tipo chirurgico di asportazione.  

Tenesmo rettale, quando rivolgersi al proprio medico?

Il tenesmo rettale deve essere portato a conoscenza del proprio medico curante quando si sospetta che possa essere associato a una delle patologie a esso collegabili (vedi elenco sopra).  

Area medica di riferimento per il tenesmo rettale

In Humanitas Castelli Bergamo l’area medica di riferimento per il tenesmo rettale è l’Unità Operativa di Proctologia.